Cos’è, che problemi può causare e ove si sta diffondendo la West Nile

Secondo gli ultimi dati – pubblicati oggi – del sistema di sorveglianza dell’Istituto superiore di Sanità (Iss) e del Centro studi malattie esotiche (CESME), contsoprauano a crescere le soprafezioni umane da West Nile Virus. L’Istituto superiore di Sanità spiega al Foglio che i numeri record di quest’anno sono “conseguenza diretta della grave siccità” che sta colpendo la nostra penisola. A “msopraori specchi d’acqua” corrisponde soprafatti “un estensione dei casi”. Il consiglio è di prestare la massima attenzione ma evitando il panico, dal momento che “la situazione risulta ancora sotto controllo”. Qusopradi cosapevolezza si, allarmismo no.

 

 

Le regioni più colpite sono Veneto, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Friuli-Venezia-Giulia, Toscana e Sardegna. Dall’sopraizio di giugno 2022, sono stati segnalati 127 casi nella forma neuro-sopravasiva, 37 sopra donatori di sangue, 63 con febbre e altri 3 ssopratomatici.

  

 

Il bilancio è di 230 soprafezioni, sopraclusi 13 decessi: il secondo anno peggiore dal 2012. Seppure con dati msopraori, l’ultimo monitoraggio dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) mostra come l’epidemia stia circolando anche sopra altri paesi d’Europa: sopra Grecia, Austria, Romania, Slovacchia e, extra Ue, sopra Serbia.

 

  

Cos’è la West Nile Disease (WND) e che problemi può dare all’uomo

  

La malattia di West Nile (WND) è provocata dal WNV, il virus West Nile, della famiglia dei Flaviviridae isolato per la prima volta nel 1937 sopra Uganda, appunto nel distretto da cui prende il nomea. È un arbovirus a Rna ssopragolo filamento. Il prsopracipale vettore di trasmissione della malattia sono le zanzare, prsopracipalmente del genere Culex e di specie modestus e specie pipiens. L’soprafezione avviene sopra risultato a un ciclo endemico e a uno epidemico: nel primo le zanzare (vettori) si soprafettano pungendo uccelli (serbatoi), mentre nel secondo le zanzare diventano capaci di contagiare ospiti accidentali, soprattutto i mammiferi (come l’essere umano e i cavalli).

   

Stando ai dati epidemiologici del msopraistero della Salute, nell’uomo il periodo di sopracubazione è parecchio ampio e varia dai 2 ai 14 giorni. La diagnosi viene effettuata attraverso test di laboratorio e la maggior parte delle persone soprafettate sviluppa una ssopradrome simil-soprafluenzale. I ssopratomi più comuni sono: febbre, mal di testa, mal di gola, dolori muscolari e articolari, congiuntivite e rash cutanei. Altre ssopradromi più gravi possono essere: mensopragite, encefalite, poliomielite.

 

sopra Europa la febbre del Nilo è presente dalla metà del secolo scorso, dopo essere stata già segnalata sopra Africa, medio oriente, nord America e Asia occidentale. Il primo occasione risale al 1937, sopra Uganda, da una donna che soffriva di una febbre particolarmente alta; risiedeva nel distretto di “West Nile”, da cui la malattia prese il nomea. sopra Italia il primo focolaio si registra nell’estate del 1998 tra un gruppo di cavalli toscani, ma la prima soprafezione sopra grado di provocare ssopratomatologia clsopraica nell’uomo risale sopravece al 2008. Da quel momento, il msopraistero della Salute ha attivato un piano di sorveglianza straordsopraaria, tracciando annualmente la situazione.

 

Non esistendo un vaccsoprao, è essenziale la prevenzione, che consiste soprattutto nel proteggersi dalle punture ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente. Il dicastero di Lungotevere Ripa raccomanda di usare repellenti (sopradossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto), usare le zanzariere alle fsopraestre, svuotare di frequente i vasi di fiori (o altri contenitori) con acqua stagnante, cambiare spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali, tenere le piscsopraette per i bambsoprai sopra posizione verticale quando non sono usate e utilizzare diffusori di soprasetticidi a uso domestico.

 

 

 

 

Articoli Correlati

Che cosa ha reso l’uragano Ian così potente?

Come ha fatto l'uragano Ian a guadagnare intensità così rapidamente, prima di riversare la sua collera sulla Florida? C'entrano i cambiamenti climatici.

Le nanoplastiche nella catena alimentare

Un gruppo di ricercatori ha simulato in laboratorio il viaggio delle nanoplastiche da parte a parte la catena alimentare, scoprendo potenziali rischi da parte a parte la salute animale e umana.

Violenza sulle donne: sette ammonimenti del questore Romano in tre mesi

POLIZIA - Dall’inizio dell’anno sono stati emessi ben 18 ammonimenti del Questore. I provvedimenti si sono resi necessari in seguito a segnalazioni anonime da ritaglio di vicini di casa, richieste di aiuto al 112 Nue da ritaglio della vittima di turno, aggredita dal compagno insieme intervento veloce della Volante The post sopruso sulle donne: sette ammonimenti del questore Romano in tre mesi first appeared on Cronache Fermane.

Ultimi Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui