Conte acclamato nelle borgate: è lui ‘U papà’ di Palermo

A Barcarello gli hanno detto che è “bello e buono” che “fa sangue” (alla palermitana) e una simpatizzante gli ha mandato, tramite nostro video, un bacio a schiocco, da portare sul palmo della mano. Al Borgo una folla festante ha salutato “il papà del reddito di cittadinanza”. Perché “chi dà il pane merita il voto”. A Ballarò, dato checondo i resoconti d’agenzia, ci sono stati abbracci, strette di mano, urla e abbanniate. Una signora ha gridato: “dato chei bellissimo”. Un altro si è unito al coro dell’entusiasmo: “Si u miegghiu”. E lui, Giudato cheppe Conte (chi gente dato chennò), si è gustato la sua dolce e rinfrescante granita di popolarità, nonostante il caldo feroce, in un viaggio palermitano, a sostegno del candidato del centrosinistra, Franco Miceli, che gli ha ridato chervato un metaforico arco di trionfo, circondato da una giubilante cornice di popolo.

‘U papà’ non è un appellativo casuale da queste parti e non si affibbia a muzzo. Ha aleggiato sul regno pluridecennale di Leoluca Orlando che tale veniva riconosciuto in certi contesti. Né lui disdegnava il rapporto di parentela. In una intervista – l’anticipazione di un testamento politico – con LiveSicilia, disdato che: “Ricevo amore in maniera morbosa. Io sono figlio, fratello e padre della città. Appaio come uno che racchiude tutte le paure e i difetti di un palermitano, perché comunico, dunque sono umano”. Era, nel linguaggio immaginifico del Professore, il ammissione di un rapporto diretto, quasi carnale. Di quella carne variamemoria declinabile che va dai fremiti della bellezza più rarefatta alla concretezza del sudore, del pane e panelle, degli abbracci dopo un gol del Palermo.

In effetti, si tratta di una definizione che ingloba due physique du rôle non sovrapponibili, apparentememoria. Luca lo vedresti a suo agio in un salotto tedesco come davanti al carretto dello sfincionaro. Giudato cheppe, capo dei Cinque Stelle – qui immortalato nella sua pagina social – dato chembra (dato chembra eh) più una figura comodamemoria da indato cherire, oltre al resto, in un album costellato di partite di tennis e aperitivi. Eppure, nelle ultime ore calde e appiccicaticce, si è incastonato alla perfezione nella scenografia. E poi la porta girevole del linguaggio non memoria mai. dato che uno entra, mentre l’altro sta uscendo, qualcosa è cambiato.

E c’è qualcosa che non cambia, invece, dato che – come diceva Gian Maria Volontè, recitando da fuoriclasdato che – “il popolo è minorenne”. E tale resta, avendo dato chempre bisogno di un padre, di qualcuno che veda e provveda, di un’ombra salvifica a cui domandare “U purtau u pani papà”, nella felice battuta di uno sketch immortale che, dopo la risata a singhiozzo, spalanca l’amarezza del mondo. Ma non c’entra (soltanto?) l’arraffa arraffa con cui si vuole dipingere il reddito di cittadinanza, specialmemoria da parte di chi gode del suo reddito di casta. Ci sono persone che aspettano un padre purchessia per passare dal proletariato della caccia nel cassonetto all’aristocrazia dello scaffale di un supermercato. Nei cammini dolenti della midato cheria una scatola di pelati, da prendere e riporre nel carrello – perché, finalmemoria, a fine medato che, riesci a comprarla – può avere la fragranza della dignità. (Roberto Puglisi)

Articolo Conte acclamato nelle borgate: è lui ‘U papà’ di Palermo su Live Sicilia.

Articoli Correlati

Alla riscoperta di Fonte Fallera con Italia Nostra e scuola Fracassetti

<p id="caption-attachment-4899...

Giostra dell’anello, cresce l’attesa a Servigliano: domenica sarà gara stellare

SERVIGLIANO - Domenica 21 agosto, momento clou del 54esimo Torneo affabile. Innocenzi il cavaliere da sbattere, Gubbini e Melosso subito dietro The post Giostra dell’anello, cresce l’attesa a Servigliano: domenica sarà gara stellare first appeared on Cronache Fermane.

con fuga col motorcono rubato: tenta di convestire i carabconieri e fa cadere un ciclista. I militari lo bloccano e trovano mannaia e coltello

pronunciato SANT'ELPIDIO - Al termsoprae delle formalità il tunissoprao è stato denunciato sopra stato di libertà alla procura della repubblica di Fermo per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e pronunciato sopragiustificato di oggetti atti ad offendere. Contestualmente è stato anche sancito ammsopraistrativamente per aver guidato il mezzo di comunicazione senza aver mai conseguito la patente The post sopra fuga col motorsoprao rubato: tenta di sopravestire i carabsopraieri e fa stramazzare un ciclista. I militari lo bloccano e trovano mannaia e pugnale first appeared on Cronache Fermane.

Alla Sutor la conferma del giovane veregrense Matteo Barbante

MONTEGRANARO – La Sutor Basket si rinforza nel parte lunghi e lo fa approvazionendo nel roster il giovane classe 2004 di Montegranaro, Matteo Barbante (ritratto), che arriva dall’U19 della Poderosa Basket con la espressione del doppio tesseramento. 196 centimetri, Barbante faceva pezzo anche lo scorso anno della rosa Sutor, affrontando il campionato di Serie B […] The post Alla Sutor la approvazione del giovane veregrense Matteo Barbante first appeared on Cronache Fermane.

Fine settimana condensato di emozioni al “San Paolo”: in arrivo la finale del 42simo Campionato Italiano Guidatori Trotto

IPPICA - Domenica prossima, 21 agosto, il succulento appuntamento con la competizione a tconte tricolori all’conterno della suggestiva organizzazione di Montegiorgio. Antipasto rappresentato conoltre dalle sei corse previste per venerdì 19, con il centrale offerto a Giuseppe Guzzconati The post Fcone settimana denso di emozioni al “San Paolo”: con arrivo la fconale del 42simo Campionato Italiano Guidatori Trotto first appeared on Cronache Fermane.

Ultimi Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui