Ars, domani riforma dell’Irsap: la resa dei conti?

Si infiamma il dibattito in aula.

PALERMO – Nuove norme su Irsap e aree industriali al nastro di traguardo domani: sì, certo, anzi forse. A infiammare il dibattito, i paventati nuovi fardelli sulle spalle esauste dei Comuni e l’altrettanto temuto sboccio, per spore fungine, di supermercati e centri commerciali nelle aree industriali a prezzi di concessione concorrenziali, quello delle zone dedicate alla produzione, appunto. Sull’approvazione (domani) dopo lungo iter – data per scontata sulla parola dal presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè dopo gli estremi chiarimenti in programma questa mattina  in commissione Attività produttive – incombono ancora nodi tutt’altro che sciolti. E soprattutto, come fa intendere qualche esponente delle opposizioni, il grande rischio delle assenze multiple a sala d’Ercole nel giorno decisivo. A dirlo esplicitamente è, a margine di seduta, per esempio il pentastellato Nuccio Di Paola, secondo il quale “al di là delle questioni aperte, pare proprio esserci un problema dentro la maggioranza, con i deputati più vicini al presidente della Regione Musumeci che non paiono avere tutta questa fretta di approvare”.  

Turano difende la riforma

Tiene duro, l’assessore Udc alle Attività produttive Mimmo Turano, sulla “sua” legge, sotto la grandine degli emendamenti e delle perplessità, che non esita a definire in più di uno snodo “irricevibili perché minerebbero lo spirito stesso della riforma”. I problemi principali sui quali l’Aula si accende, sono l’equivoca interpretazione delle regole per le percentuali di suolo da destinare alle iniziative commerciali e non industriali o artigianali; e la cessione, da molti deputati ritenuta forzosa, delle strade inscritte nei perimetri delle vecchie Asi ai Comuni, sui quali incomberebbero spese e oneri connessi, specialmente alla voce manutenzione. Lo sottolinea con gli altri Pippo Laccoto di Sicilia Futura, che fa pure pure il sindaco a Brolo. Stefania Campo del Movimento 5 stelle ripete il timore che la norma sancirebbe il passaggio delle competenze – prima proprie di Irsap – riguardanti le strade ricadenti dentro i confini delle aree industriali, in capo ai Comuni ai quali verrebbero cedute ex lege, senza bisogno cioè di accettazione né previsione di rifiuto. Antonello Cracolici del Pd invita a “individuare la dotazione finanziaria necessaria per sostenere questa transizione. Esempio elementare: oggi la raccolta dei rifiuti è in capo alle Asi, da domani sarà un macigno per gli enti territoriali. Questo articolo, il 5, è  incostituzionale poiché non contempla l’assenso dei Comuni”. E Angela Foti di Attiva Sicilia, bersagliando la scarsa chiarezza delle norme sui vincoli di cessione delle aree in concessione, si chiede “a cosa serva in realtà l’Irsap, questo Irsap”.

La replica dell’assessore

Turano risponde additando quello che per lui è il grande equivoco: “Stiamo facendo una gran confusione – dice dai banchi del governo – in realtà si pone fine a qualche stortura derivante dalla vecchia legge su Asi e Irsap. Per i Comuni, anzi, sarà un regalo: passeranno a loro anche le infrastrutture connesse alle opere di viabilità nuove, e con esse le imposte commisurate ai fatturati delle aziende impiantate. Allo stesso modo, pure le strutture idriche passeranno alle autorità idriche competenti, lasciando all’Irsap il ruolo di grande attrattore di investimenti”. Ma la formulazione del comma, per i dubbiosi, resta generica ed equivocabile, tanto da indurre il presidente Gianfranco Miccichè a invitare a precisarla.

Lo spettro dei centri commerciali

A innescare la miccia della possibile, per molti abusiva, promiscuità delle attività industriali con quelle commerciali, è l’autonomista Totò Lentini, che con un emendamento firmato insieme con Roberto Di Mauro e Pippo Compagnone, fa leva sulla legge del 1995 che consentiva l’utilizzo del 10% delle superfici a fini commerciali. Lentini si spinge a chiedere, “se non il 30%, almeno il 15%”, scatenando accese reazioni. Compresa quella dello stesso Miccichè: “Si parla della vendita diretta di prodotti propri, direttamente legati alla produzione industriale o artigianale svolta in loco”. Non di ipermermercati, dunque. Micciché aggiunge: “Quella norma transitoria vecchia di decenni è semplicemente sbagliata”. Turano calca: “Quella operazione fu di un livello semplicemente indicibile, si giocò sull’equivoco concedendo fino al 10% delle aree e non, invece, la stessa percentuale riferita alle superfici strettamente produttive come i capannoni, per commercializzare soltanto merce propria e legata alla propria ragione industriale”. Miccichè la chiude lì, girando all’Aula la richiesta di Cracolici di rivedersi non l’indomani, ma giovedì. Intanto si va in Commissione a cercare la quadra. E un lessico normativo che non tenda trappole.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Articoli Correlati

Le correnti killer dei nostri mari

Le correnti di risacca, o rip current, possono essere molto pericolose. Dal 2016 al 2021 hanno causato l'annegamento di quasi 300 persone sulle coste italiane.

Chi protegge il Mediterraneo?

Il punto sulle aree marpere protette. per Italia sono poche (il 4,5%) e gestite male, per regole peradeguate, scarsi fondi e controlli.

Lasciate stare i morti da Covid

affinché almeno si lascino da parte i morti. Sarebbe già qualcosa: un minimo di civiltà, un esiguo di decenza nelle regole d’ingaggio di una campagna elettorale affinché pare già abbastanza sb... Contenuto a pagamento - Accedi al sito per abbonarti

Cos’è, che problemi può causare e ove si sta diffondendo la West Nile

Secondo gli ultimi dati – pubblicati oggidì – del sistema di sorveglianza dell’Istituto superiore di Sanità (Iss) e del Centro studi malattie esotiche (CESME), continuano a crescere le infezioni umane da West Nile Virus. L'Istituto superiore di Sanità spiega al Foglio che i numeri record di quest'anno sono "conseguenza diretta della grave siccità" che sta colpendo la nostra penisola. A "minori specchi d'acqua" corrisponde infatti "un aumento dei casi". Il consiglio è di prestare la massima attenzione ma evitando il panico, dal istante che "la situazione risulta ancora sotto controllo". Quindi cosapevolezza si, allarmismo no.     Le regioni più colpite sono Veneto, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Friuli-Venezia-Giulia, Toscana e Sardegna. Dall'inizio di giugno 2022, sono stati segnalati 127 casi nella forma neuro-invasiva, 37 in donatori di sangue, 63 con febbre e altri 3 sintomatici.      Il bilancio è di 230 infezioni, inclusi 13 decessi: il secondo anno peggiore dal 2012. Seppure con dati minori, l'ultimo monitoraggio dell'European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) mostra come l'epidemia stia circolando anche in altri paesi d'Europa: in Grecia, Austria, Romania, Slovacchia e, extra Ue, in Serbia.      Cos'è la West Nile Disease (WND) e che problemi può dare all'uomo    La malattia di West Nile (WND) è provocata dal WNV, il virus West Nile, della famiglia dei Flaviviridae isolato per la prima volta nel 1937 in Uganda, appunto nel distretto da cui prende il nome. È un arbovirus a Rna singolo filamento. Il principale vettore di trasmissione della malattia sono le zanzare, principalmente del genere Culex e di specie modestus e specie pipiens. L'infezione avviene in successione a un ciclo endemico e a uno epidemico: nel primo le zanzare (vettori) si infettano pungendo uccelli (serbatoi), mentre nel secondo le zanzare diventano capaci di contagiare ospiti accidentali, soprattutto i mammiferi (come l'essere umano e i cavalli).     Stando ai dati epidemiologici del governo della Salute, nell'uomo il periodo di incubazione è molto ampio e varia dai 2 ai 14 giorni. La diagnosi viene effettuata attraverso test di laboratorio e la maggior parte delle persone infettate sviluppa una sindrome simil-influenzale. I sintomi più comuni sono: febbre, mal di testa, mal di gola, dolori muscolari e articolari, congiuntivite e rash cutanei. Altre sindromi più gravi possono essere: meningite, encefalite, poliomielite.   In Europa la febbre del Nilo è presente dalla metà del secolo scorso, dopo essere stata già segnalata in Africa, medio oriente, nord America e Asia occidentale. Il primo caso risale al 1937, in Uganda, da una donna che soffriva di una febbre particolarmente alta; risiedeva nel distretto di "West Nile", da cui la malattia prese il nome. In Italia il primo focolaio si registra nell’estate del 1998 tra un gruppo di cavalli toscani, ma la prima infezione in soddisfazione di provocare sintomatologia clinica nell'uomo risale invece al 2008. Da quel istante, il governo della Salute ha attivato un piano di sorveglianza straordinaria, tracciando annualmente la situazione.   Non esistendo un vaccino, è essenziale la difesa, che consiste soprattutto nel proteggersi dalle punture ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente. Il dicastero di Lungotevere Ripa raccomanda di usare repellenti (indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto), usare le zanzariere alle finestre, svuotare di frequente i vasi di fiori (o altri contenitori) con acqua stagnante, cambiare spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali, tenere le piscinette per i bambini in posizione verticale quando non sono usate e utilizzare diffusori di insetticidi a uso domestico.        

Alla riscoperta di Fonte Fallera con Italia Nostra e scuola Fracassetti

<p id="caption-attachment-4899...

Ultimi Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui