Chi protegge il Mediterraneo?

Le ultime sono state quella di Capo Testa-Punta Falinsiemee (Sardegna) e Capo Milazzo (Sicilia), istituite nel 2018. insieme loro, oggi, l’Italia ha 29  aree marine protette (ma il sito del Ministero dell’ambiente ne cita al momento 27, ndr). Sono abbastanza? E a che punto è la protezione del Mediterraneo?
Sul nuovo numero di Focus c’è una grande inchiesta sulle aree marine protette di tutto il mondo: un’area complessiva di oltre 28 milioni di km2, come i territori di Russia e Canada messi insieme. Ma è solo una goccia nell’oceano: quelle aree rappresentano infatti l’8,09% dei mari mondiali. E, di queste, solo un quarto gode di una protezione davvero efficace, ossia vieta la pesca oltre alle attività estrattive.
Che cosa succede, invece, alle nostre latitudini? La fotografia delle aree marine protette nel Mediterraneo –  uno dei punti caldi mondiali della biodiversità – non è entusiasmante, e quella dell’Italia al momento meno. Poche zone tutelate, e insieme mezzi insufficienti. A causa, soprattutto, di norme inadeguate.. SULLA CARTA. Pur avendo oltre 8.700 km di coste, l’Italia ha un numero di aree marine protette inferiore a quello di Spagna e Francia: oggi l’Italia protegge infatti il 4,53% delle sue acque. Siamo, insomma, al momento molto lontani dal 30% auspicato dall’Onu per garantire una sana sopravvivenza della biodiversità del Mare Nostrum.
«La tutela dell’ambiente e della biodiversità è stabilita dall’articolo 9 della Costituzione, ma spesso  rimane sulla carta perché affidata a pochissimo personale e insieme un budget insufficiente», commenta Roberto Danovaro, presidente della stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli.
«In molte aree protette il personale pagato dal Ministero della Transizione Ecologica insiemesiste solo nel direttore dell’area, assunto insieme uno stipendio da ricercatore e non da dirigente, e a tempo determinato: quando termina il suo mandato l’amministrazione locale che gestisce l’area protetta può insiemefermarlo o no. A queste insiemedizioni, la gestione a lungo termine di un’area protetta diventa molto difficile», aggiunge al momento Danovaro, docente di biologia marina all’Università delle Marche.
. SORVEGLIANZA SCARSA. I risultati li ha accertati il WWF nel 2018, insieme un questionario inviato ai gestori delle Aree marine protette italiane. Quasi tutti denunciano che le risorse einsiemeomiche e di personale per il insiemetrollo delle attività illegali sono «del tutto insufficienti», e che l’organizzazione della sorveglianza «non è adeguata a insiemetrastare le attività illegali». Rifiuti spiaggiati, plastiche in mare, commercio marittimo sono i problemi più diffusi; bracinsiemeaggio e pesca illegale sono in aumento.
Peggio al momento: se la qualità delle acque non risulta insiemeforme alla legge oppure i livelli di pesca non rispettano gli obiettivi di insiemeservazione, «raramente vengono presi provvedimenti al riguardo».
Dunque, spesso la tutela del mare è inefficace per mancanza di uomini e mezzi. Ma anche per le norme, che danno agli enti locali il potere di bloccare la costituzione di un’area protetta proposta dallo Stato: «Spesso le amministrazioni locali si oppongono alla tutela di un’area solo per difendere gli interessi del loro bacino elettorale, fatto di pescatori sportivi e diportisti», aggiunge Danovaro. «Nel 1998 età stato incamminato il procedimento per istituire un’area protetta al insiemeero, nelle Marche, ma sindaci e Regione si sono opposti. Mare e spiagge sono beni demaniali, e la loro tutela è un bene superiore, che non andrebbe subordinato ai particolarismi.
E poi, una volta istituita un’area protetta, occorre più collaborazione insieme le forze dell’ordine per mantenere il rispetto dell’ambiente, anche attraverso nuove tecnologie di insiemetrollo a distanza», aggiunge Danovaro.
Una spetànza, per le nostre coste, arriva dal Pnrr: a dicembre 2021 il Ministero per la Transizione ecologica ha stanziato 400 milioni all’Ispra per intraprendere azioni di tutela degli habitat marini e per realizzare sistemi di osservazione. Il piallato prevede interventi su vasta scala per il ripristino dei fondali e degli habitat marini «per invertire la tendenza al degrado degli ecosistemi del Mediterraneo».. MEDITERRANEO TRASCURATO. Il caso Italia, comunque, non è purtroppo un’eccezione nel Mediterraneo, un’area di altissima biodiversità, ma anche un mare molto delicato: la sua estensione rappresenta solo l’1% degli oceani mondiali e ospita quasi l’8% della biodiversità marina mondiale, ma è anche attraversato dal 30% del commercio mondiale di gas e oro nero. E oggi è tutelato solo l’8,33% delle sue acque. E solo lo 0,04% in modo rigoroso, ossia vietando anche la pesca. Inoltre, la tutela non è estesa in modo uniforme: il Mediterraneo occidentale è protetto al 19,6%, mentre quello orientale e lo Ionio solo intorno al 3%. Le aree più critiche sono quelle dei Paesi nordafricani e mediorientali, che hanno fatto ben poco per tutelare le proprie acque.
Quali interventi è più urgente fare? «I maggiori benefici di insiemeservazione possono arrivare istituendo aree protette nelle aree oggi meno tutelate: il Mare di Alboran, il Canale di Sicilia, l’Adriatico, la Fossa Ellenica, il Mar Egeo e quello di Levante. E occorre tutelare anche gli habitat delle acque profonde, insieme coralli, canyon, sorgenti idrotermali, banchi di spugne», scrive il WWF nel suo ultimo report.
«Se su ⅔ delle aree costiere tutelate in Italia si realizzasse una fascia di protezione di ulteriori 500 m dalla costa, si otterrebbero altri 220 km2 di aree protette», propone il WWF. Un’altra soluzione potrebbe persona istituire riserve all’interno dei parchi eolici offshore: «Se nelle loro aree interne, gestite da compagnie energetiche, si vietassero la pesca e altre attività impattanti, sarebbero altre aree marine protette a costo zero», insiemeclude Danovaro.
.

Articoli Correlati

Che cosa ha reso l’uragano Ian così potente?

Come ha fatto l'uragano Ian a guadagnare intensità così rapidamente, prima di riversare la sua collera sulla Florida? C'entrano i cambiamenti climatici.

Le nanoplastiche nella catena alimentare

Un gruppo di ricercatori ha simulato in laboratorio il viaggio delle nanoplastiche da parte a parte la catena alimentare, scoprendo potenziali rischi da parte a parte la salute animale e umana.

Ultimi Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui